Informazioni personali

La mia foto
Roma, Roma, Italy
Scrittrice di romanzi, racconti, fiabe, favole e storie per l'infanzia. Autrice del romanzo "Donne allo specchio" Mef Firenze, della raccolta di Fiabe "Storie di Magia" Happy Art Edizioni Milano.

giovedì 25 settembre 2014

La Quercia secondo Lidia e Lucia

LegenΔe di Piante. La Quercia

L'appuntamento di Agosto

La quercia incantata
La Quercia
a cura di Lidia Costa
Quercia, grande Saggia: la Quercia ci insegna la magia della trasformazione. Le sue solide radici entrano profondamente nella terra per abbracciarla e toccarne il cuore; i suoi frutti resistenti nutrono gli animali e servono a far sorridere e giocare i bambini e le fanciulle. Le Querce danno riparo sia con la frescura d’estate sia con le foglie che nel tardo autunno diventano un letto morbido. Questo è il segreto della trasformazione: entrare dentro la terra, essere al servizio di Madre Terra, nutrire, amare, proteggere i figli della Dea, è l’antica lezione che hanno appreso da sempre tutte le donne di medicina. È per questo che la Quercia aiuta le donne a contattare il proprio intuito, il potere di far nascere e far morire gli accadimenti. Albero di streghe: strega è la donna che sa trasmutare cose, eventi e anime.
La Quercia (Quercus Peduncolata)
a cura di Lidia Berrettari
La Quercia o Farnia è un albero longevo e maestoso a crescita lenta che può raggiungere i 30 metri di altezza e i 7 metri di circonferenza. Ha radici profonde con tronco enorme, spesso irregolare. La corteccia liscia e brillante, color grigio lucente sino ai 30 anni, diviene poi sugherosa, spessa e di color bruno-scuro screpolandosi trasversalmente così da formare scaglie quadrate irregolari. La consistenza della corteccia è tale che anche un parassita come il Vischio stenta a intaccarla. I rami sono forti e sinuosi, piegati a gomito e ricurvi con molti rametti corti e vicini. Le foglie sono alterne, si formano all'inizio della primavera e sono verdi fino all'autunno. Diventano poi subito caduche per cui i rami d'inverno sono completamente spogli.
La Quercia ha piccoli fiori maschili e femminili. Il suo frutto, la ghianda, è sospeso a lunghi e gracili peduncoli che portano da 1 a 3 frutti. La pianta fiorisce in aprile-maggio e i frutti sono maturi nell’autunno dello stesso anno o di quello successivo. La Quercia forma boschi con altre specie, ama la luce e abita nelle grandi vallate prediligendo terreni freschi ben irrigati. È per eccellenza l'albero della foresta mista, può vivere da 500 a 1000 anni raggiungendo dimensioni colossali e può crescere anche su pendii rocciosi con scarsa terra, ma si sviluppa meglio in un clima umido e nelle vallate.

Simbologia e leggenda

La Quercia è stata sempre considerata Regina delle piante, con valenza simbolica e religiosa, essendo quasi universalmente considerata connessa con il principio creatore dell’Universo, come una Grande Madre che dona vita ed evoluzione. È il simbolo della vita, della forza tranquilla, della virilità e del valore militare, è l'archetipo di tutti gli alberi, il piedistallo della volta celeste, l'asse del mondo, gigante vegetale caro e sacro a tutti i popoli per la sua maestà incomparabile e la sua possanza. Nell'antica Grecia era consacrata a Zeus, e secondo la leggenda un ramo di Quercia piantato accanto ad una fonte proteggeva dalla siccità. Anche per gli antichi romani era sacra a Giove, era una tra le piante di buon auspicio, simbolo di virtù, forza, coraggio, dignità e perseveranza.
I Celti celebravano i loro sacrifici nelle vicinanze di una Quercia. Per loro rappresentava la forza della saggezza e della conoscenza ed era in grado di stimolarla negli altri. Consentiva di giungere alla consapevolezza della soglia tra il mondo della materia e dello spirito. La Quercia era l’albero del Giudizio sotto il quale il Re prendeva le sue decisioni; sotto di essa si definiva il giusto e l'ingiusto, l’essere e l’apparire. Dalla Quercia presero nome i sacerdoti Celti, i Druidi. La loro iniziazione e tutti i riti importanti avvenivano in boschi di Querce, Drunemeton. La Quercia era Regina dell’anno crescente, rappresentava la forza spirituale e la magia della terra; come simbolo della nobiltà degli ideali e dell’indipendenza, è associata alla potenza maschile. Il Re che sedeva sotto la Quercia era garante dell’ordine cosmico sulla terra; quando perdeva forza e potenza, era sfidato da un aspirante successore che lo uccideva nel duello rituale. Il vecchio Re-Quercia veniva sacrificato ritualmente nel fuoco del solstizio d’estate.

Proprietà fitoterapiche

La medicina dei secoli passati ha fatto ampio uso per via interna e esterna di decotti ed infusi di corteccia di Quercia a scopo astringente, antiemmorragico, cicatrizzante per emorroidi e varici. Le foglie erano applicate su piaghe e tumefazioni. Le ghiande erano decantate come diuretici e antidoto di veleni se cotte nel latte. Per tutto il Medioevo si osservarono queste indicazioni. È merito della Fitoterapia rinnovata e dei fitoterapeuti francesi di aver trovato alla Quercia un ruolo degno di nota nella moderna Gemmoterapia.
Quercus peduncolata esercita una particolare azione sulle ghiandole cortico-surrenali, agisce sulle gonadi di ambedue i sessi, sui capillari. La sua azione si estende inoltre all'intestino e all'apparato genito-urinario. Vengono usate tutte le sue parti (gemme, ghiande, infiorescenze, giovani radici e la scorza interna delle radici). Le sostanze attive nella Quercia sono l'acido gallico, i tannini, le renie e altre sostanze in tracce, è antinfiammatoria, astringente, emostatica, analgesica, antisettica, febbrifuga, tonica e antiemorragica, è utile quindi contro la diarrea, le infiammazioni intestinali, irritazioni del cavo orale, favorisce la coagulazione del sangue in caso di ferite ed emorragie, emorroidi, infiammazioni, per contrastare dolori di varia natura, come disinfettante, contro la febbre e per tonificare l'organismo. Quercus possiede inoltre proprietà anti-senescenti ed è da considerarsi un rivitalizzante per persone debilitate. Per tali motivi è un drenante universale per depressione, senescenza precoce, astenia sessuale, stipsi, fragilità capillare.
I Rimedi di Lidia:
Quercussiva
Rimedio efficace come antidepressivo:
- MG Quercus Peduncolata
- MG Betula Verrucosa semi
Querquoia
Rimedio efficace contro la senescenza precoce:
- MG Quercus Peduncolata
- MG Sequoia Gigantea
- MG Fraxinus Excelsior
Acqua di Quercia
Rimedio efficace contro la stipsi:
- MG Quercus Peduncolata
- MG Vaccinum Vitis Idaea

Immagini correlate

  1. Casa sull'albero
  2. Quercia antica
  3. Quercia saggia
  4. Gea, Gaia, Madre Terra, Dea
  5. Ceridwen, la grande madre del Galles
  6. Ghiande di quercia
Il prossimo appuntamento è per il 5 Settembre.

Nessun commento:

Posta un commento